top of page

E TU CHI SEI?

A MONOLOGUE BY AND WITH
ISABELLA GIAMPAOLO


40 MIN.

_FrancescaBigger.JPG

Description

"E tu chi sei?" is a monologue-performance that, with curiosity, empathy and a pinch of salvific irony, questions dementia - particularly Alzheimer's - and its consequences, like a sort of memory waltz.
An estimated 144,300 people in Switzerland live with dementia; around 7,665 of these live in the canton of Ticino. For every sick person, one to three family members are involved.

Based on research carried out at the Alzheimer's ward of the Fondazione Parco San Rocco in Coldrerio (TI) and interviews with some family carers who share a similar story, "E tu chi sei?" blends various theatrical languages such as narrative theatre, non-verbal gestural language and figure theatre, to bring to life the story of a daughter who accompanies her father until the moment of his death without being remembered, or rather, recognised.

We grow up with the belief that children are the most important thing in a parent's life. But what happens to a child when he is forgotten? That dread that one day our parents will ask us "Who are you?" we all have a bit of that; and then one day it happens and that very day, that very first time, something happens within us. Like a tear. As if for a moment we cease to exist.

The performance aims to raise awareness not only on the subject of dementia, including Alzheimer's, but above all on how this disease can be experienced by the relatives of those affected, in this case a daughter. The performance partly wishes to address the parent-child relationship - a relationship in which the parent often wears, sometimes unintentionally, the role of superhero - and does so by highlighting the fact that we are used to "being" in relation to others.

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-6717.jpg

Research

Every important and complex subject needs due research. Undoubtedly, one must be able to observe the world around us with an empathy that allows an artist to become the channel of expression of something bigger. Only in this way, in my opinion, can one reach people, others.

At the same time, however, I strongly believe that we need to do research before we can "talk" about any subject; even one that affects us personally. We never know how the other person might react, or how the other person experiences what we are also going through. This is precisely why the research for the creation of "E tu chi sei?" was long and thorough and consisted of several steps:

- research for inspiration and artistic material at the Alzheimer's ward of the Fondazione Parco San Rocco in Coldrerio (TI)

- private interviews with caring relatives with a similar story to the one dealt with in the performance

- participation in various Alzheimer Cafés in Ticino

- reading of some books and stories on the subject

- physical-artistic research and creation

- drafting and revising the text

- meeting with a group of family carers

garten 2023 - web - 42.jpg

Aim of the project

The show was born with the desire, first and foremost, to take the theatrical act outside the usual theatrical contexts, thus bringing theatre closer to people, rather than people to theatre. The theatrical and artistic catharsis certainly allows us to tackle even the most difficult issues with different eyes; and this is because theatre can undoubtedly become a mirror of ourselves. Thanks to a performance we can mirror ourselves and see ourselves again, analyse ourselves and rediscover ourselves, confront ourselves and get to know ourselves.

When I found out that my mother's aunt had dementia and no longer recognised her son - a son who had been devoting a great deal of attention to this mother for a long time - something was born in me; perhaps the need to talk to people about this illness, to make it known so that it would frighten them less, or perhaps the desire to put the spotlight on all those people who are close - sometimes for a lifetime - to a sick family member. And in this case, I am not just referring to dementia. At the same time, I wanted to create something that would allow the community as a whole to come together and unite. And to get emotional together.

garten 2023 - web - 43.jpg

Testimonies (anonymous, respecting privacy)

"A show that sensitises, with great delicacy, irony and depth, the audience to a difficult subject. With great respect and professionalism Isabella manages to truthfully portray the experience of patients and their relatives, moving the audience to tears."

 

"This show is a real opportunity for 'maintenance of the spirit', essential especially to those who, due to work or familiarity, are constantly confronted with the suffering and limitations that this disease brings."

 

"The creative process that this extraordinary artist went through to arrive at 'E tu chi sei?' is of a disarming delicacy, it leads one to see reality from new unexpected and possible points of view and to transform and enrich one's human feeling. Thank you."

 

"The play was very beautiful and touching. Even someone like me who is not directly involved can understand."

 

"Initially my sister and I were hesitant to go and see a show that touched on the world of cognitive disorders (dementia, Alzheimer's and beyond). Precisely because we are experiencing the decay of severe dementia with our mother, we were afraid to touch our feelings that are already so much affected by the reality we are experiencing as caregivers. I would like to say that it was intense emotionally and inevitably also very moving. At one point I felt like a protagonist, reviewing our story step by step. Isabella touched on this subject with great delicacy, professionalism and competence, you can also understand the study and research she put into it to make it a show. It absolutely must be seen because it not only touches the families of the sick, but also sensitises everyone to approach this issue that is so widespread and unfortunately present in even young age groups. For everyone who revolves around this world there is a need for moral and real support, one needs to get help in order to have the strength and awareness of the path. So thank you Isabella for this initiative and opportunity for reflection and sharing also in the listening groups."

 

"'E tu chi sei?' for me captures the essence of the greatest power theatre has: to be healing and transformative. A true balm for the soul, thanks to a catharsis that in performances of this kind can truly be called such, bringing relief to those fortunate enough to participate in these collective moments that smell of ritual."

 

"I wouldn't want it to remain just the memory of a performance inside the Home for the Elderly. Nor just a praise to all the operators who work with people suffering from this syndrome every day. I would like and hope that this performance could be the beginning of something. May it be a beginning for even one person of all those present during the performance. But that this may have insight into the all too often little known, underestimated, belittled and sometimes accepted world that revolves around Alzheimer's disease. And that it may speak of it to others, igniting in them even that small spark of curiosity that will allow a disease that apparently has very little in the way of clarity to become clearer in the future. Special thanks to Isabella, whose talent, personality and professionalism I appreciate, and to all those who made this show possible, both by participating in it and by making it possible."

 

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-7026.jpg

Collaboration with Alzheimer Ticino

More details shortly.

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-7110.jpg

Credits

Conception and direction: Isabella Giampaolo

Dramaturgy: Isabella Giampaolo

Performer: Isabella Giampaolo

Set designer: Isabella Giampaolo

Scenographer: Antonio Giampaolo

E TU CHI SEI?

UN MONOLOGO DI E CON
ISABELLA GIAMPAOLO


40 MIN.

_FrancescaBigger.JPG

Descrizione

“E tu chi sei?” è un monologo-performance che con curiosità, empatia e un pizzico di salvifica ironia, si interroga sulla demenza - in particolare modo sull’Alzheimer - e sulle sue conseguenze, come una sorta di valzer della memoria.
Si stima che in Svizzera vivano 144’300 persone affette da demenza; circa 7’665 di queste vivono nel Canton Ticino. Per ogni persona ammalata sono coinvolti da uno a tre familiari.

A partire da una ricerca condotta presso il reparto Alzheimer della Fondazione Parco San Rocco di Coldrerio (TI) e da interviste ad alcuni familiari curanti che condividono una storia simile, “E tu chi sei?” fonde vari linguaggi teatrali quali il teatro di narrazione, il linguaggio non-verbale gestuale e il teatro di figura, per dare vita alla storia di una figlia che accompagna suo padre fino al momento della sua morte senza essere ricordata, o meglio, riconosciuta.

Cresciamo con la convinzione che i figli siano la cosa più importante nella vita di un genitore. Ma cosa succede a un figlio quando viene dimenticato? Quel terrore che un giorno i nostri genitori ci domandino “E tu chi sei?” lo abbiamo un po’ tutti; e poi un giorno accade e proprio quel giorno, quella prima volta, avviene qualcosa al nostro interno. Come una lacerazione. Come se per un momento smettessimo di esistere.

Lo spettacolo vuole sensibilizzare non solo sulla tematica delle demenze, tra cui l’Alzheimer, ma soprattutto su come questa malattia possa essere vissuta dai famigliari delle persone affette, in questo caso una figlia. La performance desidera in parte, oltretutto, affrontare il rapporto genitore- figlio - un rapporto in cui il genitore indossa spesso, alle volte anche involontariamente, i panni del supereroe - e lo fa sottolineando il fatto che veniamo abituati ad “essere” in relazione agli altri.

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-6717.jpg

Ricerca

Ogni tematica importante e complessa necessita di una dovuta ricerca. Senza dubbio, bisogna saper osservare il mondo che ci circonda con un’empatia che permetta a un artista di diventare il canale di espressione di qualcosa di più grande. Solo così, a mio avviso, si riescono a raggiungere le persone, gli altri.

Al tempo stesso però, credo vivamente occorra fare ricerca prima di poter “parlare” di qualsiasi argomento; anche uno che ci riguarda personalmente. Non sappiamo mai come possa reagire l’altro, o come l’altro viva ciò che stiamo attraversando anche noi. È proprio per questo che la ricerca per la creazione di “E tu chi sei?” è stata lunga e approfondita ed è consistita in molteplici passi:

- ricerca a livello di ispirazione e materiale artistico presso il reparto Alzheimer della Fondazione Parco San Rocco di Coldrerio (TI)

- interviste private a familiari curanti con una storia simile a quella affrontata nello spettacolo

- partecipazione a vari Alzheimer Café in Ticino

- lettura di alcuni libri e storie sulla tematica

- ricerca fisico-artistica e di creazione

- stesura e revisione del testo

- incontro con un gruppo di familiari curanti

garten 2023 - web - 42.jpg

Obiettivo del progetto

Lo spettacolo nasce con il desiderio, innanzitutto, di portare l’atto teatrale al di fuori dei soliti contesti teatrali, avvicinando così il teatro alle persone, piuttosto che le persone al teatro. La catarsi teatrale e artistica permettono sicuramente di affrontare le tematiche anche più difficili con occhi diversi; e questo perché il teatro può diventare, indubbiamente, specchio di noi stessi. Grazie a uno spettacolo possiamo specchiarci e rivederci, analizzarci e riscoprirci, affrontarci e conoscerci.

Quando ho scoperto che la zia di mia mamma aveva una demenza e non riconosceva più suo figlio - un figlio che, a questa madre, stava dedicando moltissime attenzioni da tempo - è nato qualcosa in me; forse la necessità di parlare alla gente di questa malattia, di far sì che possa essere conosciuta così da spaventare meno, o forse il desiderio di porre sotto ai riflettori tutte quelle persone che stanno accanto - a volte per una vita intera - a un famigliare malato. E in questo caso, non mi riferisco solamente alle demenze. Al tempo stesso, volevo creare qualcosa che permettesse alla comunità, nella sua interezza, di ritrovarsi e unirsi. E di emozionarsi insieme.

garten 2023 - web - 43.jpg

Testimonianze (anonime, nel rispetto della privacy)

Uno spettacolo che sensibilizza, con grande delicatezza, ironia e profondità, gli spettatori su un tema difficile da affrontare. Con grande rispetto e professionalità Isabella riesce a rappresentare in modo veritiero il vissuto dei pazienti e dei loro parenti, emozionando il pubblico fino alle lacrime.

 

Questo spettacolo è una vera occasione di ‘manutenzione dello spirito’, essenziale soprattutto a chi per lavoro o familiarità è in costante confronto con la sofferenza e i limiti che questa malattia porta con sé.

 

Il processo creativo che ha compiuto questa straordinaria artista per arrivare a ‘E tu chi sei?’ è di una disarmante delicatezza, porta a vedere la realtà da nuovi imprevisti e possibili punti di vista e a trasformare e arricchire il proprio sentire umano. Grazie.

 

Lo spettacolo è stato molto bello e toccante. Anche una persona come me che non è direttamente coinvolta riesce a capire.

 

Inizialmente io e mia sorella eravamo titubanti ad andare a vedere uno spettacolo che toccasse il mondo dei disturbi cognitivi (Demenze, Alzheimer e non solo). Proprio perché stiamo vivendo con nostra madre il decadimento di una demenza severa, avevamo paura di toccare i nostri sentimenti già tanto provati dalla realtà che stiamo vivendo da Caregiver. Premetto che è stato una visione intensa di emozioni e inevitabilmente anche molto commovente. A un certo punto mi sono sentita protagonista, rivedevo la nostra storia passo dopo passo. Isabella ha toccato questo tema con molta delicatezza, professionalità e competenza, si capisce anche lo studio e la ricerca che ci ha messo per farne uno spettacolo. Va assolutamente visto perché non tocca solo i famigliari dei malati, ma sensibilizza chiunque ad avvicinarsi a questo tema così diffuso e purtroppo presente in fasce d’età anche giovani. Per chiunque ruota attorno a questo mondo c’è bisogno di sostegno morale e reale, bisogna farsi aiutare per avere la forza e la consapevolezza del percorso. Perciò grazie Isabella di questa iniziativa e opportunità di riflessione e condivisione anche nei gruppi di ascolto.

 

‘E tu chi sei?’ per me coglie l’essenza del potere più grande che ha il Teatro: essere curativo e trasformativo. Un vero balsamo per l’anima, grazie a una catarsi che in spettacoli di questo tipo può dirsi veramente tale, apportando sollievo a chi ha la fortuna di partecipare a questi momenti collettivi che profumano di rituale.

 

Non vorrei rimanesse solo il ricordo di una performance all’interno della Casa per Anziani. Né solamente un elogio a tutti gli operatori che lavorano con persone affette da questa Sindrome ogni giorno. Vorrei e mi auguro che questo spettacolo possa essere l’inizio di un qualcosa. Che sia un inizio anche per una sola persona di tutte quelle presenti durante l’esibizione. Ma che questa possa aver intuito il mondo troppo spesso poco conosciuto, sottovaluto, sminuito e a volte accettato che ruota intorno alla malattia di Alzheimer. E che possa parlarne ad altri, accendendo in loro anche quella piccola scintilla di curiosità che permetterà in futuro di rendere più chiara una malattia che all’apparenza di chiaro ha molto poco. Un ringraziamento speciale a Isabella, di cui stimo il talento, la personalità e la professionalità e a tutti coloro che hanno reso possibile questo spettacolo, sia partecipandovi e sia rendendone possibile la realizzazione.

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-7026.jpg

Collaborazione con Alzheimer Ticino

Maggiori dettagli a breve.

FL gARTen 2023 507 e E tu chi sei-7110.jpg

Crediti

Ideazione e regia: Isabella Giampaolo

Drammaturgia: Isabella Giampaolo

Performer: Isabella Giampaolo

Set designer: Isabella Giampaolo

Scenografo: Antonio Giampaolo

bottom of page